Slow e Fast Sex

slow-e-fast-sexUn “buon sesso” può essere lento o veloce, a seconda delle situazioni e del livello di eccitazione dei partners, l’importante è che rispetti le esigenze dei due amanti e che permetta loro di esprimersi e di vivere pienamente il proprio desiderio e piacere.

La tempistica dell’eros deve essere quindi stabilita dalla coppia, poiché solo i membri della coppia sanno quali sono i giusti “limiti di velocità” a cui attenersi per poter vivere una sessualità appagante per entrambi. Così come nell’arte culinaria, anche nell’arte erotica non bisogna demonizzare tutto quanto è fast, infatti è vero che mangiare velocemente può fare male alla salute e non ci permette di apprezzare gusti e sapori, ma è anche vero che un panino mangiato voracemente e rapidamente a volte può appagare e soddisfare la nostra fame… Allo stesso modo il “fast sex” rappresenta un vissuto di passione veloce, molto intenso, e perché no, anche rubato.

La sessualità vissuta in modo rapido, veloce e furtivo può essere molto appagante soprattutto per quegli uomini che vogliono liberarsi e lasciarsi andare senza trattenersi, e che per una volta desiderano non preoccuparsi di durare a lungo. Anche per le donne la sveltina può avere un risvolto positivo, poiché esprime quasi un desiderio animale e primordiale, dove tutte le energie sono convogliate solo ed unicamente nel piacere. Tuttavia è normale e fisiologico che le donne prediligano una sessualità più lenta ed avvolgente, poiché la donna per sua natura ha bisogno di più tempo per eccitarsi e per raggiungere l’orgasmo. La donna per poter vivere un eros soddisfacente, ha bisogno di tempo e la lentezza è quasi un dogma della sessualità femminile. La metafora cinese dell’uomo = fuoco e della donna = acqua illustra molto chiaramente la diversa tempistica dell’eros nella coppia: l’uomo si accende facilmente e può sviluppare il suo fuoco rapidamente, però se arde la sua legna troppo in fretta non fa a tempo a portare ad ebollizione l’acqua della donna! Ecco che allora l’uomo, grazie ai preliminari, può riscaldare l’acqua senza bruciare troppo rapidamente il suo fuoco.

L’importante per vivere un rapporto intimo appagante e soddisfacente è quello di dedicarsi tempo, questo però non significa necessariamente che debba essere lungo o breve, l’importante è che sia intenso ed appassionato e che non conosca monotonia e ripetitività. La questione non è tanto nella diatriba fra slow e fast quanto sulla qualità dell’eros e sulla sua intensità; ritengo infatti corretto fare un “elogio alla sveltina” se questo modo di vivere l’eros rappresenta un momento di rottura dell’abitudine e della routine. L’eros ha bisogno sempre di essere stupito, ha bisogno di novità e di mistero, e tutto quanto scardina i gesti consueti ha in sé la forza della passione. Allo stesso tempo dedicarsi a lunghi preliminari può essere un lento percorso verso il piacere, che molte coppie dovrebbero intraprendere per imparare a conoscere il loro corpo e quello del partner.

L’importante quindi è non seguire le mode che ci plasmano le abitudini di vita e a volte anche i comportamenti sessuali… l’importante è seguire la nostra velocità: il ritmo del nostro eros!

Autore: Grazia Emanuela Perfido

Laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche con indirizzo Psicologia delle relazioni di aiuto presso l'Università degli Studi di Bari, ha conseguito la laurea specialistica in Psicologia con indirizzo Clinico-Dinamico delle relazioni familiari presso l'Università di Padova. Specializzata in Psicoterapia individuale e di gruppo presso la S.F.P.I.D. con sede a Roma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Risolvi questa operazione *