Come affrontare i momenti bui: 7 modi

I problemi esistono!

Comincio con una frase che può sembrare all’apparenza pessimista e demotivante, ma nella realtà non lo è assolutamente! In effetti, il primo passo per sviluppare le risorse per affrontare e risolvere le difficoltà che si possono presentare è proprio capire ed accettare il fatto che i problemi ci sono, che esistono, che possono capitare, a volte anche “tutti insieme” …

È un grande errore pensare che la propria felicità o anche solo il proprio stato di benessere debba dipendere da una situazione di totale assenza di problemi e di preoccupazioni! Attendere tale stato per essere felici ci può far rischiare di vivere una vita di frustrazioni, di renderci delle persone perennemente insoddisfatte!

La felicità non è qualcosa che cade dal cielo, ma è innanzitutto una costruzione interiore, un modo di percepire e vivere la realtà! Essere del tutto spensierati è qualcosa che succede davvero raramente … certo, quando capita, godiamoci assolutamente il momento … ma far dipendere la nostra felicità solo da questi frangenti non è adeguato! Bisogna mettere in conto che prima o poi nella vita potremmo vivere dei momenti bui, caratterizzati da problemi, da difficoltà! Nessuno ne è esente … Nemmeno la persona più fortunata che conosciamo!

Nonostante il nostro impegno e le nostre buone intenzioni, non possiamo controllare tutto quello che ci succede! Prima accettiamo questo, meglio è per noi! Fatto questo il resto è tutto in discesa!

Z. Baumann, eminente sociologo e filosofo dei nostri tempi, in un suo famoso discorso sulla felicità ha detto:

“La vita felice viene dal superamento dei problemi, dal risolvere le difficoltà. Bisogna affrontare le sfide, fare del proprio meglio. Si raggiunge la felicità quando ci si rende conto di riuscire a controllare le sfide poste dal fato.”

Ed ecco qui sette consigli utili per affrontare e superare al meglio i momenti bui:

  1. Non concentratevi sul passato e soprattutto non identificatevi nei fallimenti che avete vissuto o nei vostri errori; guardateli come un’esperienza di vita, come parte di un percorso, come un modo per conoscersi meglio, per capire qualcosa in più. Inoltre se le cose sono andate male nel passato, questo non significa certo che sarà sempre così! Il futuro è ancora tutto da scrivere.
  2. Evitate di pensare a voi stessi come delle vittime, non indugiate nel lamento e nella autocommiserazione. Non è utile e soprattutto fa male! Pensate a voi stessi come ai protagonisti della vostra vita, perché lo siete!
  3. Affrontate le paure. Non rimandate, altrimenti queste non faranno altro che assorbire le vostre energie e crescere!
  4. Non concentratevi sul problema, ma pensate alla soluzione, spostate la vostra attenzione, la concentrazione ed energie su di essa. Pensate al modo in cui potete risolvere o anche solo migliorare la situazione che vi preoccupa e poi agite in quella direzione.
  5. Sviluppate il più possibile un atteggiamento positivo e creativo nei confronti delle difficoltà, guardatele come delle sfide; ognuno di noi ha sempre la capacità di pensare e fare qualcosa di nuovo. Ognuno di noi ha la capacità di creare il proprio benessere!
  6. Non dimenticate mai tutta la bellezza che vi circonda e soprattutto quanto c’è ancora di buono nelle vostre vite. Può capitare che un problema possa avere la capacità di oscurare tutto il resto, di far vedere “tutto nero”. In realtà siamo noi ad attribuirgli quella forza; guardiamolo per quello che è, non permettiamogli di “oscurare” le nostre vite più del dovuto; ne è solo un aspetto, magari temporaneo, magari risolvibile, senza alcun dubbio e come minimo migliorabile! Anzi, proprio in questi momenti è utile spostare l’attenzione su tutto ciò che abbiamo, su ciò che di bello e di buono ci circonda, ci renderemo sicuramente conto che non è poco!
  7. Ricordate che il detto “Non tutti i mali vengono per nuocere” è vero! Naturalmente questo non significa di certo desiderare i problemi! Tuttavia significa che le crisi possono portare cambiamento, crescita personale e favorire lo sviluppo di capacità interiori, nuovi strumenti mentali ed emotivi, i quali poi possono, con il tempo, portare alla felicità!

Autore: Fabiola Dotoli

Laureata in Psicologia ad indirizzo Psicologia clinica e di comunità presso l'Università degli Studi "Carlo Bo" di Urbino. Specializzata in Psicologia clinica presso l'Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari, Facoltà di Medicina e Chirurgia. Iscritta all'Albo degli Psicologi della Regione Puglia con numero d'ordine 2722, ed all'Albo dei C.T.U. presso il Tribunale di Foggia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Risolvi questa operazione *